di Marco Montanari, Mario Villano, contributi di ing. Amedeo Guizzi.

 Per far sì che si lavori sempre in totale sicurezza bisogna adottare precise regole e sopratutto conoscere i limiti e le caratteristiche che, se osservati, lo rendono uno dei migliori sistemi di appendimento, sollevamento e stazionamento dei carichi.

Introduciamo l’argomento con la collaborazione dell’Ing. Amedeo Guizzi (Blumano) che ci illustrara le caratteristiche e le leggi che regolano l’utilizzo dei più noti sistemi di appendimento.

Quali sono le tipologie di brache e fasce di sollevamento e stazionamento usate nel mondo dello spettacolo e quali sono i loro utilizzi e destinazioni?

AG Ad oggi la tipologia più diffusa è rappresentata da brache ad anello continuo in poliestere (materiali utilizzati possono essere Supraplus, Tergal, Dacron o fibre similari) mentre è meno diffuso l’utilizzo di brache singole dotate di asole. Possono essere colorate con relativo codice colore che ne definisce il carico massimo di esercizio (Working Load Limit) oppure nere per esigenze estetiche (con WLL da 1 T o 2 T). Tali elementi sono utilizzati per imbracare le travi reticolari in alluminio (truss) in modo da trasferire forze dovute alla sospensione o il sollevamento direttamente ai nodi della struttura. Per stabilire il carico massimo di esercizio dell’applicazione sono disponibili in letteratura fattori modali definiti a seconda del modo con cui un imbraco ad anello viene utilizzato. Hanno un vantaggio rispetto alle funi redancia-redancia dato che garantiscono una maggior area di contatto diminuendo così la pressione locale sull’alluminio a parità di carico di esercizio.

Quali sono i requisiti che devono soddisfare per essere a norma di legge?L’impiego che ne facciamo può considerarsi adeguato con le attuali normative di sicurezza?

AG La normativa competente per questi elementi è la EN 1492 e l’impiego che viene fatto nel mondo dello spettacolo è adeguato alle attuali normative di sicurezza. Tuttavia particolare attenzione va posta alla massima temperatura di esercizio di tali accessori dato che normalmente è di 100 °C (le fibre fondono a 250 °C ). Per questo motivo, vista la presenza sulle strutture di proiettori ad incandescenza e la conducibilità termica dell’alluminio, viene richiesto (a meno di analisi dei rischi specifiche) che questi elementi vengano accoppiati a componenti di sicurezza secondari non sensibili al calore (ad es. funi d’acciaio).

L’utilizzo delle brache e fasce sono attualmente il miglior metodo di appendimento e messa in sicura delle strutture? 

AG Sì, questi accessori per sollevamento sono il miglior metodo per il sollevamento e la sospensione dei carichi nel mondo delle strutture reticolari in allumino (truss) per l’allestimento spettacolo. Per un corretto uso e manutenzione delle brache ad anello bisogna tenere presente che quest’ultime sono sensibili oltre alla temperatura anche all’umidità, al taglio, all’abrasione e alla esposizione diretta al sole. Nell’imbracare una struttura bisogna evitare che vengano in contatto con spigoli vivi o elementi con raggi di raccordo troppo piccoli (< 8 mm ). Per la messa in sicura delle strutture, invece, bisogna utilizzare elementi non sensibili alla temperatura. Recentemente le aziende produttrici di accessori per sollevamento propongono delle brache ad anello con anima in acciaio che hanno tutte le qualità delle fasce in poliestere, senza però le limitazioni dovute alle temperature di esercizio.

Le fasce in uso nella comunità europea possono essere usate al di fuori di essa?

AG Al di fuori dei paesi CEE le altre normative esistenti sono comunque armonizzate alle nostre.

Esempi di imbracature per i diversi tralicci Trio e Quatro. L’efficienza dell’appendimento è del 100% per le prime tre, del 90% per le ultime due. (fonte: catalogo Milos)

 

MODALITÀ D’USO

È importante che venga fatto un corretto utilizzo di tali accessori poiché la portata può variare a seconda della metodologia di sollevamento. Innanzi tutto occorre considerare il fattore del bilanciamento del peso nella totalità della struttura, in quanto se abbiamo 4 tonnellate non vuol dire che per forza ci sia una tonnellata per punto.

Un’altro fattore da considerare è l’angolo d’ inclinazione verticale che non deve essere superiore a 60°. E’ altamente sconsigliabile superare questo limite perché si possono verificare tensioni non controllabili.

L’angolo di inclinazione verticale non deve mai superare i 60°Non meno importante è la metododologia di appendimento, come possiamo vedere nella scheda sottostante, la portata varia a seconda del caso e non sempre diminuisce ma in alcuni casi aumenta il fattore di tenuta.

Una struttura composta da: luci, audio e naturalmente cablaggi elettrici arriva a pesare tonnellate, sapere qual è l’angolo verticale massimo consentito e la variazione della portata a seconda del metodo d’appendimento usato è fondamentale.

Solo conoscendo e  rispettando questo tipo di  tabelle possiamo avere la certezza di ciò che stiamo facendo, nella piena sicurezza di tutti.

Per quanto riguarda la manutenzione e collaudo diciamo che le brache devono essere sottoposte a controllo almeno annuale da parte di personale competente, ma si dovrà ridurre l’intervallo di tempo fra due controlli consecutivi in funzione del modo di impiego delle brache stesse.

Le brache devono essere sottoposte a controllo almeno annuale da parte di personale competente.

Si dovrà ridurre l’intervallo di tempo fra due controlli consecutivi in funzione del modo di impiego delle brache stesse.

Le brache che non soddisfano i requisiti minimi di sicurezza non devono mai essere utilizzate, questo implica una costante verifica visiva delle brache durante il loro utilizzo.

 

 

 

Tabelle delle portate per Braghe e Fasce secondo la EN 1492

Durata e Sostituzione degli accessori di sollevamento in poliestere (di Amedeo Guizzi)

La normativa cogente di riferimento è la Direttiva Macchine 2006/42/CE e la norma armonizzata EN 1492-2.
Gli allegati IV e X della Direttiva Macchine 2006/42/CE invece non si applicano agli accessori di sollevamento.
La Direttiva Macchine 2006/42/CE e la norma armonizzata EN 1492-2 non danno limitazioni sugli anni di utilizzo ma danno solo l’obbligo di indicare la periodicità di verifica delle fasce.
Invece si dice che la periodicità di esame dovrebbe essere determinata da una persona competente (quando non indicata dal fabbricante), tenendo conto dell’applicazione, dell’ambiente, della frequenza di utilizzo e di questioni simili, ma in ogni caso le brache dovrebbero essere esaminate visivamente almeno annualmente da una persona competente per stabilirne l’idoneità per continuarne l’utilizzo.
Succede inoltre che normalmente i fabbricanti danno come indicazione che la fasce devono essere controllate ad ogni installazione: i fabbricanti sono liberi di mettere una data di scadenza, ma non è obbligatorio.
Quello che accade nella realtà dei vari allestimenti è che fasce con una vita di più anni sono spesso da scartare visto che l’usura danneggia la tela protettiva esterna lasciando visibile le fibre interne.
Tale usura molte volte è dovuta non tanto all’utilizzo ma alla scarsa attenzione delle condizioni di trasporto (es. in flight case mischiate con cavi d’acciaio, grilli, etc.).

Per un mantenimento ottimale di tali dispositivi bisogna adottare semplici regole per far sì che lo stato fisico non venga alterato.

Norme di buon uso delle Fasce e delle Braghe

•Non bisogna superare la portata nominale riportata sulla braca.

  • La portata nominale dipende dal modo di impiego.
  • Evitare di utilizzare la braca in sollevamenti a strappo.
  • Non bisogna mai accorciare la braca tagliandola.
  • Le brache non devono essere posizionate a contatto di profili taglienti o su superfici ruvide.
  • Utilizzare maniche antiusura o protezioni per angoli dove necessario.
  • Non strisciare il carico sul pavimento tramite la braca o non strisciare la braca su superfici ruvide.
  • I carichi devono essere posizionati sulle brache una volta che sono stati presi tutti i provvedimenti contro eventuali danneggiamenti.
  • Non sfilare le brache direttamente da sotto i carichi.
  • Riservare per tali dispositivi un contenitore specifico per il trasporto.
  • Posizionare le brache in modo tale da garantire il sollevamento in sicurezza del carico (una opportuna valutazione del posizionamento del baricentro è alla base di una corretta manovra di sollevamento.
  • La lunghezza dell’asola deve avere un diametro pari almeno a quattro volte il diametro del perno o del gancio che si sta utilizzando e l’angolo interno dell’asola non deve superare i 20°.
Consigli di utilizzo delle fasce (fonte: Tecnomovint)