apertura

This is box title

PRO

Connessioni digitali

MIDI

Mixer DSP

Routing

CONTRO

Dettaglio in gamma bassa

RME Babyface è un’interfaccia audio USB ultra compatta per Mac e PC, con un totale di dieci ingressi e dodici uscite audio. A fronte di un pannello poco più grande del palmo di una mano, offre due ingressi microfonici, un ingresso instrument ad alta impedenza, due uscite cuffia, una coppia di line out stereo e un I/O digitale da otto canali. Il controllo software è affidato a TotalMix, il mixer DSP di RME che include una potente matrice di routing e gli effetti. Babyface arriva equipaggiata di cavo breakout dotato di prolunga per tutte le connessioni audio analogiche e digitali comprese quelle MIDI, cavo USB a doppio connettore, borsa con tracolla, CD di installazione e manuale cartaceo.

Il pannello

La piccola RME è caratterizzata dal pannello superiore in plastica blu che ospita la grande manopola centrale e i LED meter. La manopola funziona come encoder rotativo e switch, ed è abbinata ai due pulsanti Select e Recall. Il metering è affidato a due LED meter a dieci segmenti e a cinque status LED singoli. Secondo l’impostazione selezionata, i LED meter indicano il gain degli ingressi o il livello del segnale in uscita.

Due LED rosso e arancione visualizzano rispettivamente il raggiungimento dell’overload e l’attivazione dell’alimentazione phantom. Il pulsante Select consente di richiamare il canale associato alle funzioni dell’encoder centrale (Input, Output, Phones). La pressione della manopola attiva il pad di attenuazione sull’uscita selezionata o consente di scambiare tra canale sinistro, destro e coppia stereo per il controllo del livello in ingresso. Il tasto Recall richiama il livello di ascolto impostato in TotalMix per il Main Out o di salvare l’impostazione corrente.

Connessioni

Una delle sfide più impegnative nella realizzazione di un progetto come quello di Babyface è l’ottimizzazione degli spazi in modo tale che la circuiteria e le connessioni possano essere ospitate in un case di dimensioni estremamente ridotte. La soluzione adottata da RME prevede l’utilizzo di un cavo breakout, connesso direttamente all’interfaccia tramite porta D-sub da 15 pin (Fig. 1), che ospita due I/O mic/line su XLR bilanciato, un’uscita cuffie su jack da 1/4” e gli I/O MIDI. L’ingresso instrument e la seconda uscita cuffie sono alloggiati sul lato destro dell’interfaccia e utilizzano un connettore da 1/4”. Hi-Z input e secondo ingresso microfonico non possono essere utilizzati contemporaneamente: l’assegnazione del secondo canale all’ingresso fisico è operata tramite TotalMix.

Fig. 1 – Il cavo breakout
Fig. 1 – Il cavo breakout

Gli ingressi microfonici, dotati di alimentazione phantom a 48 V, sfruttano due preamplificatori controllati digitalmente, con controllo del gain a step di 3 dB in un range da 9 dB a 60 dB e con un ulteriore step per portare il gain da 9 dB a 0 dB. Babyface non consente il bypass dei preamp. Entrambe le uscite cuffia riproducono il segnale dei canali 3-4 e condividono un unico circuito, affidato a un convertitore DA da 192 kHz dedicato. Le uscite cuffia possono anche essere utilizzate come ulteriore uscita line. Lo stadio analogico in uscita non è servo-bilanciato, per cui è possibile connettere dispositivi sbilanciati a patto di disconnettere il terzo pin del connettore XLR. Le connessioni digitali di Babyface sono affidate a un I/O digitale TOSLINK da otto canali, compatibile con i formati ADAT (SMUX) e S/PDIF ottico. L’alimentazione avviene tramite bus USB o alimentatore opzionale.

TotalMix

Il software di controllo di RME, dotato di DSP integrato, consente la gestione approfondita del routing, del mix e l’utilizzo degli effetti integrati. Per ciascun submix è possibile gestire i livelli di ciascun input fisico o canale di playback software (Fig. 2).

Fig. 2 – La matrice per la gestione del routing di Babyface
Fig. 2 – La matrice per la gestione del routing di Babyface

Ogni canale hardware è dotato di equalizzatore paragrafico a tre bande con Low Cut, mentre una mandata effetti consente di inviare qualsiasi canale alla channel strip che include riverbero ed echo disattivabili. Da notare che gli ultimi due effetti non sono processati dal DSP interno, quindi sono soggetti alla latenza imposta dal buffer. I set di configurazione di TotalMix possono essere salvati e richiamati. Un pannello di controllo separato consente di impostare Sample Rate, sorgente di clock e di impostare l’equalizzatore con Low Cut nel percorso di registrazione. Se il Loopback è attivo, lo stadio di equalizzazione è impostato sul segnale in rientro.

In prova

Al primo impatto in ascolto critico, Babyface si distingue per un suono rotondo, trasparente e con una buona tridimensionalità, ma non del tutto preciso sulla parte più bassa dello spettro. In mix, ciò si traduce in un maggior lavoro per la definizione dei riverberi e l’equalizzazione degli strumenti. La tridimensionalità risente della non eccellente performance nel range medio basso. I preamplificatori sono piuttosto trasparenti e offrono una buona definizione. L’assenza di bypass può essere in parte risolta impostando a zero il gain dei preamplificatori. Il punto di forza di Babyface è, senza dubbio, la potenza di TotalMix. La completa gestione del mix attraverso più submix e la matrice di routing offrono un controllo professionale applicato a un’interfaccia capace di entrare in una borsa da laptop. A ciò si aggiungono gli effetti integrati nel mixer, tutti di buona qualità (Fig. 3).

Fig. 3 – TotalMix con tutti gli effetti visualizzati
Fig. 3 – TotalMix con tutti gli effetti visualizzati

La costruzione è solida. I LED meter sono ricoperti da una plastica che rischia di confondere quando l’interfaccia non è posizionata in maniera ottimale. Un piccolo difetto nella costruzione è la disposizione delle connessioni posteriori: il ridotto spazio tra la porta D-sub e quella ADAT potrebbe rappresentare un ostacolo con particolari connettori (Fig. 4). 

Fig. 4 – Le connessioni posteriori
Fig. 4 – Le connessioni posteriori

Ottima la scelta di includere le connessioni digitali e gli I/O MIDI, che consentono l’utilizzo di controller MIDI non equipaggiati con porta USB. Inoltre, questa connessione amplia le possibilità di controllo dell’interfaccia, poiché TotalMix può essere controllato in remoto con i protocolli Mackie Control e con alcuni CC MIDI (il volume del Main Out è controllato da CC 7).

Conclusioni

RME Babyface punta sulla flessibilità di TotalMix, sugli effetti integrati e su una dotazione di I/O superiore a qualsiasi interfaccia di queste dimensioni. L’ingresso Hi-Z, l’interfaccia MIDI e le connessioni digitali aprono la strada per Babyface all’uso da parte di chitarristi, bassisti e tastieristi/programmatori, mentre le connessioni digitali consentono all’interfaccia di operare in ambiti diversi dallo studio del singolo musicista, sfruttando un maggior numero di connessioni. Babyface è attualmente l’unica soluzione di dimensioni ridotte per chi necessita di molti I/O o di una grande flessibilità nel routing, con l’ottima affidabilità dei driver RME e una buona qualità audio.

This is box title

MidiWare

Via Cassia, 1081 – Roma

Tel. 06 30363456

info@midiware.com

www.midiware.com

Prezzo: € 530,00 + IVA