Fig. 1 - Esempio audio 0911TP02
Fig. 1 – Esempio audio 0911TP02

This is box title

PRO

Snello e veloce

Bassissima latenza

Gestione parametri fisici

Buona qualità di eq e comp

CONTRO

Gestione della stereofonia

Ripresa microfonica unica

Torpedo PI-101 è prodotto dalla francese Two Notes ed è parte di un sistema di registrazione più articolato. Two Notes produce tre hardware dedicati: VB-101 è un loadbox, speaker miking simulator e studio effect; VM-202 è un dual channel power amp simulator, speaker miking simulator e studio effect; LB-202 è uno studio-class dual channel loadbox e attenuator. Torpedo PI-101 necessita dell’utilizzo in contemporanea di altri plug-in per la gestione completa della preampificazione, siano essi già nella DAW (oramai molti software includono degli amp simulator per chitarra e basso, da Pro Tools a Cubase) o installati in vere e proprie suite quali Komplete di Native Instruments. Torpedo si occupa esclusivamente della amplificazione, intesa come power amp, e della simulazione di speaker, inclusa la ripresa stessa degli speaker. Di facile installazione e snello, poco più di 60 MB, è protetto con iLok2.

Interfaccia

L’interfaccia grafica è una sorta di rack virtuale suddiviso in sottosezioni verticali dedicate.

Compare/Save serve per la gestione dei preset (caricamento e salvataggio dei banchi), e Volume di ingresso per il settaggio del segnale di input con indicatore a LED. Il tasto Compare permette di confrontare diversi preset, funzione utile per la scelta del nostro timbro.

Da Power Amp è possibile gestire i parametri dedicati al finale di potenza dell’ipotetico amplificatore, agendo sui parametri Volume, Presence e Depth, quest’ultimo dedicato all’identificazione della banda sul quale far lavorare le valvole. Infine c’è un microswitch per scegliere il tipo di valvola da utilizzare, Pentode (con più headroom e dinamica) o Triode (più calda e morbida).

Scelta modelli è la parte chiave del software dove gestire praticamente la totalità dei componenti emulati nel preset; il tipo di amplificatore, il cabinet e il microfono utilizzato per la ripresa. L’elenco dei modelli disponibili per tutte e tre le tipologie è accessibile da un menu a tendina o utilizzando le frecce di scorrimento poste a lato dell’immagine raffigurante il componente. Il software prevede 16 amplificatori di potenza, 32 cabinet e otto microfoni.

La parte centrale del main screen raffigura la classica finestra di vetro che suddivide in tutti gli studi di registrazione il locale della regia dal locale di ripresa, e possiamo vedere che nel locale di ripresa (virtuale appunto) è raffigurato il nostro cabinet e il microfono per la ripresa dello stesso, quest’ultimo posizionabile agendo in drag con il mouse. Nella parte immediatamente superiore, ci cinque pulsanti per l’attivazione/disattivazione delle sezioni Power Amp, Low Cut, Eq, Exciter, Compressor, cioè i moduli alla destra del main screen.

Fig. 2 - Esempio audio 0911TP03
Fig. 2 – Esempio audio 0911TP03

La parte sottostante la finestra centrale è dedicata ai parametri relativi alla microfonatura: Distance, per il settaggio della distanza del microfono dal cabinet; Center per la gestione della angolazione di ripresa, dove 0 corrisponde alla posizione in asse; uno switch Front/Back per selezionare la ripresa frontale o posteriore del cabinet; il parametro Variphi è proposto come un controllo unico e speciale della tecnologia di Torpedo che consente la creazione di timbri dal diverso colore grazie alla combinazione di armonici e frequenze contenute nel segnale e sommate con diverse fasi. In realtà avevamo già visto questo parametro utile e interessantissimo in TH2 (e nel suo predecessore TH1) di Overloud; il parametro Overload è per il controllo di quel particolare fenomeno tipico di tutti i cabinet, cioè quella saturazione che si produce ad altissimi regimi di potenza e volume; infine, il potenziometro Dry/Wet è una sorta di mix tra il segnale processato e non processato, che può essere particolarmente utile nella creazione di timbri clean, dove potrebbe essere interessante mantenere l’attacco del suono diretto in combinazione con il timbro processato.

Low Cut: è un semplice filtro di attenuazione per le basse frequenze che possono diventare fastidiose in presenza di timbri hi gain, quando la mano destra appoggiandosi alle corde della chitarra vicino ai pick up potrebbe creare dei fastidiosi pop attenuabili proprio da questo parametro.

L’equalizzatore parametrico a cinque bande può essere splittato dal microswitch in modalità Guitar/Bass, modificando cosi il range di riferimento, da 50 Hz a 4.000 Hz nella modalità basso, e da 120 Hz a 6.000 Hz per la chitarra.

Exciter è utilizzato spesso come rack dedicato nella catena di effetti di chitarristi particolarmente aggressivi, e consente di dare maggiore presenza e vivacità al timbro, agendo sul colore del suono.

Il Compressor può essere utilizzato esternamente al plug-in, ma già in questo pacchetto si presenta con una gestione dei parametri abbastanza completa con i controlli di Compression, Threshold, Ratio, Attack, Release, Gain.

Infine c’è l’area dedicata ai parametri di programma per il settaggio delle cartelle per la gestione dei preset (Presets) e della cartella di installazione dei modelli di cabinet eventualmente implementabili (Impulses). Per aggiungere dei nuovi modelli, infatti, è sufficiente copiare il file relativo a un nuovo cabinet nella root impostata dal pulsante Impulses. Sotto troviamo il volume di uscita con indicatore di precisione a LED.

IN PROVA

L’uso di Torpedo prevede l’utilizzo in contemporanea di altri plug-in per la gestione della sezione di preamplificazione. Abbiamo quindi accoppiato Torpedo con due pilastri del mondo del virtual guitar, Native Instruments Guitar Rig e Line 6 Pod Farm, ovviamente disabilitando il cabinet e la headroom per poterli così gestire esclusivamente da Torpedo.

Fig. 3 - Esempio audio 0911TP04
Fig. 3 – Esempio audio 0911TP04

La configurazione prevedeva un canale stereo con una chitarra in ingresso e due slot occupati in insert rispettivamente da Guitar Rig o Pod Farm nello slot 1 e Torpedo nello slot 2.

Esempio Audio 1111TP01: in questo esempio abbiamo prima processato la traccia utilizzando esclusivamente il plug-in Pod Farm disabilitando la sezione cabinet; solo in questo modo è possibile sentire come interviene il nostro Torpedo, anche se al momento il suono è orrendo.

Esempio Audio 1111TP02: in questo caso abbiamo accoppiato a Pod Farm il nostro Torpedo utilizzando un cabinet 4×12 ripreso frontalmente con un Ribbon 160; ottimo il comportamento del compressore sul quale siamo intervenuti per limitare alcuni picchi, veloce e dinamico; il timbro risulta brillante e corposo al tempo stesso, il cabinet si comporta egregiamente.

Esempio Audio 1111TP03: un suono davvero aggressivo e violento in stile new metal realizzato utilizzando una Ibanez a otto corde, Guitar Rig 4 per la gestione della preamplificazione e Torpedo per il cabinet; quest’ultimo prevede un cabinet 4×12 ripreso con un Dynamic 57; fondamentale in questo caso la funzione dell’Exciter che conferisce presenza e profondità al suono, l’esecuzione è su due tracce stereo doppiate e aperte a 180 gradi per ottenere un buon panorama stereofonico essendo il plug-in mono, e la catena degli insert è quindi replicata in modo identico sul canale left e right.

Esempio Audio 1111TP04: in questo esempio abbiamo voluto provare qualcosa di più particolare, Torpedo è stato infatti applicato sulla traccia di una Variax Acoustic 700 di Line 6, l’esecuzione è registrata in flat e senza plug-in aggiuntivi; Torpedo provvede a inserire un cabinet 2×12 ripreso con un Dynamic Bass 20; in questo caso provvidenziale il controllo Dry/Wet che ci consente di bilanciare una parte di suono diretto ed uno processato, ed Eq, Exciter e compressore aggiungono brillantezza e dinamica a un timbro particolare e affascinante.

ESEMPI AUDIO TWO NOTES TORPEDO PI-101

1111TP01 Pod Farm + Torpedo

1111TP02 Pod Farm + Torpedo: cabinet 4×12, mic Ribbon 160

1111TP03 Guitar Rig + Torpedo: cabinet 4×12, mic Dynamic 57

1111TP04 Variax Acoustic 700 + Torpedo: cabinet 2×12, mic Dynamic Bass 20

CONCLUSIONI

Torpedo PI-101 è molto interessante: piccolo ma di qualità, consente di ottenere timbri molto personalizzati grazie a una serie di parametri interamente dedicati al cabinet. Spesso, in piattaforme generiche e omnicomprensive, i controlli del cabinet si limitano a un semplice on/off con la sola possibilità di poter scegliere il modello e il microfono di ripresa. Qui abbiamo invece la possibilità di gestirne parametri e aspetti fisici come l’Overload. La grande lacuna è il non essere stereo e non poter così gestire la control room in modo adeguato. Se è vero che il cabinet è una fonte mono (anche se oramai sono moltissimi i cabinet nativamente stereo) l’ambiente di ripresa non sarà certo mono. Di fatto potremmo concludere che l’ambiente di ripresa non rientra nei parametri emulati dal plug-in, e la gestione della distanza del microfono dal cabinet influisce quindi solo sul taglio di frequenza. Per ottenere un buon panorama stereofonico dovremo quindi agire su due tracce left/right o aggiungere in coda alla catena effetti un terzo plug-in per l’emulazione della control room. Il prezzo, non proprio entry level, lo pone in una fascia medio alta di utenti, ricordando sempre che avremo comunque bisogno di altri plug-in per la gestione della preamplificazione

This is box title

Two Notes Audio Engineering

BAL n°6, 145 rue de la Marbrerie

34740 Vendargues – France

Tel. +33 (0)484 250 910

www.two-notes.com

Prezzo: € 199,00 + IVA