Apertura TLA100_Hires_2

This is box title

PRO

Ottima emulazione

Saturation

HPF su detector

Compressione parallela

CONTRO

Controllo fine non sufficiente

Sapevamo da mesi che sarebbe arrivato il plug-in di TLA-100. Per chi proviene della vecchia scuola analogica, Summit Audio è sinonimo di valvola e operazionale 990, che messi insieme hanno prodotto un suono unico, sempre molto elegante, gentile e aggraziato e spesso delicato, anche quando si eccede. Il TLA-100 originale è un limiter ibrido che impiega un operazionale 990 nello stadio di gain in uscita, con una curva di compressione soft knee e ingresso di sidechain. Ha tre tempi di attacco e di rilascio, quest’ultimo influenzato anche dal programma musicale, un controllo di livello in uscita e uno per la riduzione del gain: più è alta la riduzione del gain tanto è maggiore il rapporto di compressione, per cui i transienti sono trattati con rapporti di compressione più elevati rispetto all’RMS del segnale.

Fig. 1 - I controlli
Fig. 1 – I controlli

Nel plug-in la riproduzione dei controlli è pressoché perfetta: l’Unity Gain è posto al valore di 25 di Gain ed è possibile attivare l’ingresso di sidechain. Dove il plug-in si distacca dall’hardware è nel pannello sottostante, che include un filtro HPF sul segnale in ingresso al limiter (Input) o sul sidechain interno del limiter (Detector), con frequenza selezionabile fino a 600 Hz, e un controllo di Saturation che gestisce direttamente la quantità di distorsione armonica introdotta secondo il livello ipotetico d’ingresso.

Fig. 2 - La risposta in frequenza senza compressione e senza saturazione
Fig. 2 – La risposta in frequenza senza compressione e senza saturazione

In questo modo è apparentemente inutile inserire un trim prima del plug-in e, dal punto di vista pratico, Saturation equivale a gestire il livello d’ingresso reale al limiter: se il livello è molto alto (Saturation a valori elevati), si riduce ampiamente l’headroom dei circuiti (non del plug-in) e ciò può diventare utile per schiacciare i transienti più veloci quando si usano tempi lenti. Un led segnala se la saturazione in uscita diventa eccessiva. L’ultimo controllo è una funzione di processing parallelo (Parallel Inject) che consente di inserire il segnale non trattato in percentuale su quello processato, così da ottenere quelle classiche compressioni parallele che sono indispensabili per aggiungere corpo ai transienti. Il controllo di Gain è successivo a quello di Saturation, così da evitare di mandare in clip il plug-in con elevati livelli di saturazione. In modalità stereo, il plug-in si comporta come l’hardware, applicando la stessa quantità di riduzione del gain sui due canali.

Analisi

TLA 100, in versione software, è un plug-in con diversi punti di approccio. La risposta in frequenza, con Saturation a zero e senza compressione, mostra un roll-off sulle alte frequenze che parte da circa 4 kHz per arrivare a 20 kHz con un livello di -5 dB rispetto allo 0 dB. La distorsione armonica è proporzionale al livello d’ingresso e in particolare tende ad aumentare in quantità e numero di armoniche verso le alte frequenze.

Fig. 3 - Lo spettrogramma con riduzione del gain a 2.8 dB e Saturation a -6, ingresso a -4 dBFS
Fig. 3 – Lo spettrogramma con riduzione del gain a 2.8 dB e Saturation a -6, ingresso a -4 dBFS

Ciò significa che la curva di risposta in frequenza può essere ampiamente modificata, aumentando il valore di Saturation o agendo sul livello d’ingresso. La qualità della distorsione armonica risponde dinamicamente al segnale d’ingresso e alla frequenza, con una predominanza di terza armonica sulle medio basse e di seconda armonica sulle medio alte. Il controllo di Parallel Inject, per la compressione parallela, non modifica mai il segnale originale aggiunto a quello processato, offrendo quindi un’altra possibilità di cambiare il timbro, oltre che i transienti. La qualità della compressione è quella che conosciamo dall’unità hardware con alcune particolarità: il massimo della compressione sui transienti si ottiene con la combinazione di attacco su Fast e rilascio su Slow. La fase di rilascio non riserva mai sorprese ed è molto lineare.

In prova

Ottimo plug-in: i primi ad apprezzarlo saranno i fonici che lavorano con il TLA hardware. Il comportamento della compressione è prevedibile e musicale, con una grande facilità di scelta fra i tre tempi di attacco e di rilascio. Assieme al grado di compressione, i cambiamenti maggiori si ottengono con Saturation, che è in grado di pulire e rendere cristallina la compressione, oppure caratterizzare il suono verso gli anni’70 solo apparentemente schiacciati. Il timbro non è mai aspro e anche sulle alte frequenze non ci sono fenomeni di aliasing fastidiosi. Rendere più o meno aggressivo un suono è una scelta tra Saturation e grado di compressione, cui va aggiunta la possibilità di utilizzare il fitro HPF sul sidechain o sul segnale originale.

Fig. 4 - La distorsione armonica a con ingresso a -4 dBFS, Saturation su Normal, Gain a +2,5 dB
Fig. 4 – La distorsione armonica a con ingresso a -4 dBFS, Saturation su Normal, Gain a +2,5 dB

In questo caso si aprono più possibilità: la compressione parallela tra una traccia tagliata sulle basse frequenze e quella originale riserva piacevoli risultati sulla voce, che si schiarisce e diventa più ariosa, o su tutte le tracce acustiche dove si vuole sottolineare il transiente senza incidere troppo sul colore. È ottimo sulle tracce di batteria e sui piatti, per rendere il suono più rotondo, ed è sempre indicato sulla voce, dove trova il suo campo d’applicazione ideale. Come sull’originale, anche sul plug-in si lavora di fino sui controlli: il TLA è sempre stato un compressore dove minimi spostamenti dei controlli rotativi provocano grandi cambiamenti. Nel plug-in, la combinazione di un tasto con il movimento del mouse non è così efficace come avremmo voluto, e richiede più attenzione durante l’impostazione.

This is box title

password: sfttlacms

1211SS01 Chitarra originale

1211SS02 Attack Slow, Release Medium, Low Cut 100 Hz su Input, Saturation medio alta, Wet/Dry 40/60, Gain Reduction 4

1211SS03 Attack Medium, Release Fast, 3 dB di gain reduction, Low Cut 100 Hz su Input, Saturation +4, Wet/Dry 75/25

1211SS04 Basso originale

1211SS05 Attack Fast, Release Fast, 3 dB gain reduction, Saturation Normal

1211SS06 Attack Medium, Release Fast, Low Cut 100 Hz su Input, Gain Reduction 5, Saturation Normal, Wet/Dry 55/45

1211SS07 Batteria traccia stereo

1211SS08 Attack Slow, Release Fast, Low Cut 150 Hz su Detector, Saturation medio alta, Gain Reduction 7, Wet/Dry 70/30

1211SS09 Attack Medium, Release Medium, Low Cut 30 Hz su Detector, Saturation medio alta, Gain Reduction 6, Wet/Dry 40/60

1211SS10 Voce originale

1211SS11 Attack Fast, Release Slow, Low Cut 40 Hz su Detector, Saturation Normal, 3 dB gain reduction

1211SS12 Attack Medium, Release Medium, Low Cut 250 Hz su Input, Saturation Clean, 6 dB gain reduction, Wet/Dry 60/40

Conclusioni

La prima esperienza di Summit Audio in software è stata affidata, non a caso, a Softube. L’azienda svedese è riuscita a replicare egregiamente il carattere dell’originale, e ha aggiunto funzioni come la compressione parallela, la saturazione e il filtro HPF sul segnale da trattare o sul sidechain, che rendono questo plug-in una miniera di colori, creatività e facilità d’uso. I risultati sono ottimi, sempre distinguibili ma naturali, mai artificiali. L’ultima realizzazione di Softube è un esempio di plug-in che supera l’originale per qualità dei risultati e flessibilità.

This is box title

Softube

www.softube.com

Prezzo: € 229 + IVA