(Francoforte, Germania) – Un rig di quasi 900 proiettori Clay Paky ha illuminato il circuito “passerella” della BMW al Motor Show 2013 di Francoforte.

La produzione, guidata da Martin Kuhn e NIYU media project di Berlino, ha utilizzato un’incredibile varietà dei più recenti prodotti Clay Paky, tra i quali 115 Alpha Wash 1500, 24 Alpha Spot 1500, 25 Alpha Profile 1500, 18 Alpha Beam 1500, 28 Sharpy, 8 Sharpy Wash, 131 QWO 800 ST, 28 Alpha Wash 700 e 504 A.leda Wash K10.

Il design delle luci doveva in primo luogo essere in grado di illuminare dinamicamente le automobili disposte attorno alla pista. I LED con canale RGBW multicolore degli A.leda K10 offrono una gamma completa di colori e ottime tonalità di bianco adatte all’evento. Grazie allo zoom da 14° a 17°, motorizzato e totalmente controllabile, è stato possibile posizionare i proiettori a distanze fisse tutt’intorno alla pista di 274m, costruita per l’occasione da BMW.

I K10 sono stati montati su tubi in acciaio appositamente curvati, disposti su entrambi i lati e lungo tutta la pista. 131 spot QWO di Clay Paky sono stati inseriti su un asse centrale sulla pista accompagnati da 56 Washlight 700 e 1500, sempre di Clay Paky. Questi ultimi sono stati impiegati per dare enfasi alle varie postazioni lungo la pista, ed in particolare attorno ai due palchi.

“Siamo stati molto contenti che la società di produzione, Lleyendecker, abbia scelto tutti prodotti Clay Paky. Infatti avere a disposizione diverse moving light di un unico produttore non solo rende la programmazione più semplice, ma permette anche di ottenere un’ottima resa colore e dimming su tutta l’area, cosa altrimenti impossibile se si lavora con luci di brand diversi,” ha commentato Martin Kuhn. “I K10 hanno permesso di ottenere una messa a fuoco super precisa sulla pista e sulle automobili. Anche la morbida curva dimming e l’ampio zoom sono stati di grande aiuto, visto che la distanza tra l’allestimento e la pista variava da 3,5 a 9 metri. Ci siamo avvalsi di un sistema di tracking delle automobili che prevedeva l’utilizzo dei K10 e numerosi cambi rapidi su tutto il sistema. Si pensi solo che in alcuni momenti l’impianto a LED ha dovuto eseguire 50 cue al secondo su tutta la lunghezza del circuito. E non abbiamo mai riscontrato nessun problema.”

Molti QWO di Clay Paky sono stati inseriti su un asse centrale sulla pista accompagnati da Washlight 700 e 1500, sempre di Clay Paky. Gli ultimi sono stati impiegati per enfatizzare le varie postazioni lungo la pista, ed in particolare attorno ai due palchi.

“I QWO di Clay Paky sono stati utilizzati sul circuito per i loro gobo e per gli effetti wash. L’accoppiata morphing – zoom ampio è stata decisamente un asso nella manica,” ha continuato Kuhn. “Per l’illuminazione posteriore e gli effetti sul palco ci siamo serviti soprattutto degli Sharpy Wash e degli Alpha Beam.”

Tutte le luci Clay Paky sono state fornite a BMW da Lleyendecker, con sede a Wuppertal, in Germania.
BMW ha noleggiato tutto il padiglione 11 dei 14.000 mq del Motor Show 2013 di Francoforte, così da creare un’esibizione di forte impatto, all’altezza delle sue nuove automobili, tra cui quelle di Mini e Rolls Royce, e del lancio dei nuovi modelli elettrici di BMWi.
Il Motor Show di Francoforte è tra le fiere automotive più importanti al mondo e si tiene ogni due anni. Lo Show del 2013 si è svolto a settembre.

Qui sotto, un video esplicativo che permette di comprendere il funzionamento del sistema di tracking.

INFO: Clay Paky

youtube
please specify correct url