BS0415A cosa servono i talent? Cosa significa fare un programma TV musicale e quanto legame c’è tra lo schermo, la discografia e la musica dal vivo? Stefano Bonagura intervista Lele Biscussi, il regista che meglio di tutti conosce il panorama musicale pop italiano. Proprio di musica italiana parliamo con Matteo Cantaluppi, per comprendere le nuove modalità di produzione del Mono studio, a cavallo tra Milano e la capitale tedesca. E visto che la diatriba digitale/analogico non avrà mai fine, un approfondimento al mercato rinnovato del Vinile è senza dubbio un “ri-aggiornamento” necessario per tutti i professionisti del suono nati dopo gli anni ’80. Un salto a Ravenna per dire addio alla stereofonia, per ascoltare un nuovo sistema di wavefield synthesis da utilizzare per concerti dal vivo, senz’altro una modalità da tenere in considerazione quando si vuole ottenere spazialità senza compromettere la qualità dell’ascolto su tutta l’area. Il mondo della luce per il numero di settembre è pop, con Tiziano Ferro nel tour negli stadi, un utilizzo dei video e delle luci estremo, quasi dominante nella narrativa dello show, con interessanti e curiose incursioni tecnologiche, con laser mappati e ponti giganti semoventi. Dallo stadio entriamo in teatro e vi raccontiamo una produzione adatta a tutti i palati e di alto valore spettacolare di Compagnie 111, con tutte le tecniche e la giusta disposizione delle luci in uno show così particolare. Siamo passati a Roma per due chiacchiere con l’elegantissima Nicoletta Ercole, costumista pluripremiata che ha fatto la storia del costume cinematografico italiano, poi su verso Milano a visitare il nuovo Pavilion di Unicredit, struttura divenuta esempio architettonico e ingegneristico per tutto il globo.

La rivista è disponibile in versione cartacea, digitale, App Store e Play Store