bose_showmatch_deltaq_demo
La tecnologia coinvolta si chiama DeltaQ e permette di creare configurazioni tradizionali (J-Array o a curvatura costante) ma anche innovative come la DeltaQ di Bose. Questo consente ai rental e nei sistemi touring in genere di selezionare la copertura desiderata. I sistemi ShowMatch in array sono in grado di generare una massima SPL di fino a 145 dB (picco) oppure, se la SPL è meno critica, di raggiungere una copertura completa con un numero inferiore di moduli e quindi risparmiare sui costi, su altezze e su peso.bose_showmatch_deltaqIl sistema permette di modificare la direttività o fattore “Q” di ciascun modulo array così da concentrare l’energia acustica e adattarla all’audience in modo più accurato. Tre i modelli ShowMatch full-range disponibili, (5/10/20-gradi verticali) in un compatto design a due vie che comprendono 4 driver a compressione Bose EMB2S e due woofer proprietari al neodimio da otto pollici. Ciascun modello prevede due set di guide d’onda orizzontali modificabili sul campo per uno schema di controllo stretto o ampio. Ulteriori guide d’onda opzionali intercambiabili da acquistare a parte. Per il rigging, maniglie e agganci removibili rendono semplice il “matching” dei sistemi ShowMatch in installazioni e touring. Il subwoofer prevede un singolo 18 pollici e rigging su 4 punti per installazione frontale o verso il retro. Interessante anche notare che Bose Professional in novembre rilascerà anche Modeler 6.9, il software di previsione acustica da impiegare con i sistemi array ShowMatch. Non solo, è atteso anche il rilascio di Bose Array Tool (BAT), che aiuta nel progetto acustico e ottimizza i sistemi DeltaQ in array per molteplici applicazioni. Bose Professional promette che ShowMatch DeltaQ sarà già disponibile già dai primi di novembre.

INFO: BOSE PROFESSIONAL